Categorie
Spettacolo

Music Square Tra Palco e Realtà

#Day2 in Piazza Labriola del progetto Music Square, la musica vince

La Cover Band di Luciano Ligabue, Tra Palco e Realtà

Ha riacceso i motori ieri sera Piazza Labriola con il progetto dedicato alla musica live e l’ha fatto illuminando la Piazza con un gioco di luci che ha contribuito a creare un’atmosfera magica unitamente ai suoni della band.

Le luci di Natale di Piazza Labriola

Un momento, prima di raccontare della splendida serata di ieri sera lo merita l’Associazione Commercianti Vivi Cassino , il nostro grazie, inteso come Radio City e a nome degli esercenti che hanno aderito, Caffè del Corso Civico 29 Tiratardi Caffè Incanto La Piazzetta va al Presidente dell’Associazione Raffaele Amato che ha raccolto immediatamente l’invito di mettere a disposizione le luminarie per rendere ancora più accogliente l’area. Un gesto di grande cortesia oltreché di grande disponibilità a sostegno dell’iniziativa e del commercio in generale.


Ma torniamo alla serata, dopo essere stati costretti causa pioggia ad annullare, o meglio a posticipare, la serata dedicata ai Dire Straits domenica scorsa, avevamo grandissima voglia di tornare a respirare quell’aria buona fatta di colori, musica, un buon calice di vino, chiacchiere e sorrisi che nel ritrovato salotto buono della Città ormai da tempo siamo abituati a respirare. Cosi è scivolata via leggera la serata con buona parte della discografia del Liga Nazionale, passando per la sua parte di repertorio decisamente più cruda e con una vera anima R’n’R di quelle che in Piazza ci stanno bene tanto quanto un’aquila nel cielo.

Ottima la performance di Silvano Varese frontman di un gruppo che suona insieme da oltre 15 anni e di cui si apprezza la grandissima passione per Luciano e che riescono comunque a dare la loro impronta senza scimmiottare Ligabue. Inutile dire che ci siamo ritrovati, come tutta la piazza, a cantare quasi tutto il repertorio proposto, sarà forse perché buona parte dei presenti hanno vissuto davvero momenti in cui “…La macchina è calda e dove ti porta decide lei ….” o forse perché in fondo c’è ancora una speranza che le generazioni future possano continuare a cantare canzoni che non siano semplici incisi buoni per una stagione radiofonica ma che possano invece emozionare diverse generazioni.

Scatto rubato tra una 0.50 e l’altra Caffè del Corso

Riposte le emozioni del Venerdì sera, siamo già pronti ad accelerare con un’ospite che promette di far saltare tutta la Piazza, sbarcano sul palco di Music Square gli H2O Naayakon, uno show basato sul freestyle, Battle live something never before. Appuntamento in Piazza Labriola a partire dalle ore 21.30

Una menzione doverosa per L’Ordine degli Avvocati che hanno voluto sostenere il progetto Music Square in occasione delle Celebrazioni del 160°Anniversario dell’Istituzione del Tribunale di Cassino a cui va il nostro ringraziamento, citiamo il Presidente Avv. Gianluca Giannichedda e l’Avv. Giancarlo Corsetti con i quali ci siamo interfacciati in questi giorni ma, ovviamente, il plauso dell’organizzazione va a tutti gli Avvocati dell’Ordine che esercitano la Professione con competenza e professionalità.

Un ringraziamento infine per i nostri Partner’s commerciali L’Arcolaio, Graphic in Progress Beauty Premiére

 263 total views,  1 views today

Categorie
Notizie

Isolamento Covid19

Una storia assurda dopo oltre un anno di emergenza ritrovarsi cosi

Qualche giorno fa ricevo un messaggio, come spesso capita, in cui mi accorgo dentro ci sia una storia nel momento in cui lo apro. Il primo pensiero è stato, eccone un altro che scrive scrive e sarà pesante anche dare una giustificazione al perché no. Invece, purtroppo, dopo averlo letto quel messaggio, decido di condividere con voi il contenuto.

“Mio Fratello Covid positivo (33 anni) era in isolamento domiciliare, per l’evolversi della sintomatologia,

Ieri, nel tardo pomeriggio, in accordo con il medico curante,  abbiamo chiamato il 118.

È stato portato al pronto soccorso Covid dell’ospedale Spaziani di Frosinone 

Ospedale Spaziani Frosinone

Arrivo in pronto soccorso ore 20 circa.

È stato “parcheggiato” in una stanza dove c’era un solo letto già utilizzato da un paziente precedente per cui è rimasto sulla sedia debilitato e sofferente. 

Posto letto riservato a paziente in attesa di ricovero

Alle 23:30/00:00 hanno eseguito prelievo ematico e Tac.

Alle 3.00 grazie a un mio ex collega infermiere ho avuto il referto della tac (diagnosi di polmonite)



Nel frattempo a mio fratello non è stato comunicato nulla (lo ha saputo da me).

Lo hanno abbandonato in stanza senza bere, senza, mangiare, stava morendo di freddo, ha chiesto un cuscino e una coperta che non gli sono stati forniti ma cosa più grave non gli hanno somministrato alcuna terapia ( lui a domicilio era già in cura con cortisone, antibiotico ed eparina) non ha chiuso occhio tutta la notte e per un paziente Covid il riposo fa la differenza. 

Si sono presentati nella sua stanza solo questa mattina alle 8 per comunicargli la diagnosi e trasferirlo in reparto.

In tutto ciò è stato trattato con sarcasmo da  operatori in quanto mio fratello non è vaccinato e molto probabilmente questo trattamento è stato dovuto a questo: una sorta di te la sei cercata ora soffri.

Tutto ciò va contro i diritti del malato e lo dico a ragion veduta, essendo laureata in infermieristica. 

C’è un codice deontologico da seguire che recita che al di là di razze, etnie, scelte politiche ed economiche chiunque debba essere assistito allo stesso modo.

Referto

In tanti anni di professione esercitata da infermiera non ho mai trattato in questo modo un mio paziente..  Mai!!!!

È come dire a una persona fumatrice malata di tumore ” io non ti curo allo stesso modo e tu per me devi soffrire perché il tumore te lo sei cercato fumando.”

Detto ciò esiste un limite: nessuno ha il diritto di giudicare una persona non vaccinata. 

Tu non sai perché quella persona non è vaccinata, non sai se ha qualche patologia o se semplicemente non è vaccinata perché ha semplicemente paura. 

Magari crede nell’utilita del vaccino ma ha paura delle controindicazioni. 

In questo caso nello specifico mio fratello non è un NO VAX infatti ha fatto diversi vaccini nel corso degli anni.

Il vaccino anti-covid non lo aveva ancora fatto semplicemente perché non era convinto e stava prendendo tempo….

Quello che è accaduto questa notte è grave, c’è stata una totale mancanza dei diritti del malato e io voglio che non accada più….

Nessuno deve soffrire così….nessun paziente e nessun familiare.

Credetemi, è  stata una nottata terribile per mio fratello ma anche per mio padre, per mia sorella e per me che a distanza assistevamo impotenti a tale comportamento. 

Un paziente malato non viene abbandonato a se stesso al freddo e senza terapia a maggior ragione un paziente con polmonite covid dove abbiamo imparato quanta differenza fa la precocità delle cure”

 312 total views,  1 views today

Categorie
Notizie

Bonus Terme

53 Milioni di euro a partire da l’8 Novembre fino a € 200 a persona

A CHI SPETTA – L’incentivo, introdotto con il decreto agosto dello scorso anno e potenziato con i finanziamenti aggiuntivi del Sostegni bis, è destinato a tutti, senza limiti di Isee o legati al nucleo familiare.

COME FUNZIONA – Lo sconto è totale: ammonta al 100% del prezzo d’acquisto dei servizi termali (compresi quelli di wellness e beauty), fino a un massimo di 200 euro a persona, e potrà essere richiesto rivolgendosi direttamente alle strutture che dal prossimo 28 ottobre si saranno accreditate sulla piattaforma online di Invitalia.

RISORSE A DISPOSIZIONE – Lo stanziamento complessivo previsto per l’intervento è di 53 milioni di euro, 43 stanziati inizialmente con il dl agosto e ulteriori 10 milioni finanziati quest’anno. L’incentivo sarà disponibile a partire dalla pubblicazione dell’avviso di apertura delle prenotazioni fino all’esaurimento delle risorse stanziate

Scegli i professionisti per il tuo giardino

COME PRESENTARE LA DOMANDA – L’iter per i cittadini è piuttosto semplice e non prevede l’accesso a portali o a piattaforme della pubblica amministrazione, come accaduto ad esempio per il bonus bici. Chi è interessato dovrà infatti prenotare i trattamenti direttamente presso uno stabilimento termale di sua scelta tra quelli accreditati e citati nell’elenco che sarà pubblicato sui siti del Ministero e di Invitalia

QUANDO UTILIZZARE IL BONUS – La struttura provvederà a rilasciare l’attestato di prenotazione che avrà una validità di 60 giorni. I servizi prenotati dovranno essere usufruiti entro tale termine

COSA DEVONO FARE LE STRUTTURE TERMALI – Toccherà poi all’ente termale, una volta elargiti i servizi, richiedere a Invitalia, sull’apposita piattaforma informatica, il rimborso del valore del buono utilizzato dal cittadino

OBIETTIVO DEL BONUS TERME – L’intervento, pensato per sostenere un settore particolarmente colpito dall’emergenza Covid, soddisfa pienamente gli operatori del settore che lo definiscono “un’intelligente misura per migliorare la salute degli italiani”

FEDERTERME: MISURA UTILISSIMA – “Al di là degli aspetti economici – afferma Federterme – sta generando un’enorme attenzione sul sistema termale sanitario e siamo molti fiduciosi che questa misura sarà utilissima per far capire quanto le terapie termali possano essere di grande supporto per la lotta alle malattie croniche, la prevenzione, la riabilitazione e, più  in generale, per il benessere della persona”

CODACONS: SOLO IN 265MILA POTRANNO USUFRUIRNE – Meno convinto invece il Codacons, che definisce il bonus terme una misura “senza logica e senza criterio”. Senza limiti di reddito, il beneficio potrà infatti essere fruito – calcola l’associazione – solo da 265mila persone

 593 total views,  1 views today